Il COVID-19 non ci ferma: l'esperienza degli educatori

Il COVID-19 non ci ferma: l'esperienza degli educatori

News Visite: 740

Dopo un viaggio che per molti di noi sembra durare un’eternità, arriviamo a Llubi, un piccolo comune di poche migliaia di abitanti, situato a nord di Palma di Maiorca. Ci accoglie un posto paradisiaco, una bellissima villa con piscina che raramente si vede in un progetto europeo. Durante i momenti di pausa, sarà una delle nostre più grandi alleate tra un’attività e l’altra.

La prima settimana comincia con il corso di spagnolo. Per molti di noi, ritrovare i docenti Antonio e Dani che avevamo conosciuto virtualmente nelle settimane antecedenti la partenza, è un po’ come salutare degli amici che si conoscono da tempo; per altri, conoscere Sandra è una piacevolissima scoperta.

Le lezioni sono intense e potrebbero sembrare più impegnative che mai visto il caldo insistente ed i ritmi serrati, ma il team di professori, oltre alla competenza nel farci apprendere una nuova lingua, ci mette nelle migliori condizioni possibili affinché il nostro imparare diventi una continua avventura.

Alcuni pomeriggi li abbiamo dedicati a visite culturali per i luoghi più suggestivi dell’isola di Maiorca: La capitale Palma, con i suoi edifici il cui stile passa dal Gotico al Modernismo di ispirazione Gaudista,  i colori e la varietà dei mercatini di Alcudia, l’irripetibile esperienza della gita col trenino verde di Soller, l’acquario dell'Arenal, per non parlare poi delle spiagge caraibiche di Formentor, con il suo incantevole Mirador es Colomer, Pollenca e Cala Agulla. Non ci facciamo mai mancare però il tempo per esplorare la stessa  Llubi, che per queste due settimane si è trasformata nella nostra seconda casa: le persone qui, dopo un primo momento di naturale diffidenza alla vista di un gruppo di stranieri, sono genuinamente ospitali e generose.

La seconda settimana si apre, al mattino,con il corso di Mindfulness: scopriamo, attraverso al nostro coach Victor, quanto avessimo sottovalutato l’importanza del detto latino “hic et nunc”, qui ed ora. La mindfulness, infatti, è una pratica di meditazione e attenzione piena nel quale ci si può concentrare e vivere il “qui e ora” prestando attenzione alle emozioni in sé e al loro effetto su nostro corpo.

Le  lezioni  si aprono con una parte teorica intervallata da momenti di esercizio pratico .Per alcuni questo è il primo approccio a pratiche simili, altri invece hanno già esperienza in campo di meditazione.

La formazione alterna momenti di classica educazione formale (lezioni frontali) al “learning by doing” (educazione non formale);  quest’ultimo è stata l’arma vincente che ha permesso ai principianti di accelerare l’apprendimento di una nuova lingua, soprattutto per i partecipanti dei livelli base.

Il pomeriggio invece è riservato al corso EU Navigator: un approfondimento sui programmi europei di finanziamento  Horizon 2020,Horizon Europe, Citizeship e Life+. 

L'elemento innovativo di questo corso intensivo è stato il suo proposito di non insegnare delle tecniche di europrogettazione, che per alcune già facevano parte del proprio background didattico, ma quello di averci permesso di considerare come ipotesi concreta l'idea di sfruttare linee di finanziamento all'apparenza meno “consigliabili” (rispetto ad Erasmus Plus, per esempio) per mandare avanti progetti di formazione degli adulti a lungo termine davvero efficaci e improntate sull'innovazione, sulla ricerca e sullo sviluppo sostenibile.

Quali sono le applicazioni pratiche del corso di Mindfulness all'interno del nostro lavoro di educatore?

In relazione all'educazione per target group di adulti, a cui questo progetto è mirato, le applicazioni sono sicuramente molteplici. Gli aspetti di educazione non formale, infatti, oltre ad essere spendibili in maniera trasversale, facilitano e rendono più fruibile l'apprendimento.

Le pratiche di meditazione e respirazione sono invece utili nella gestione dello stress, in situazioni di conflitto in aula, come nella vita quotidiana. Il riconoscimento emotivo sia individuale che sociale inoltre, dovrebbe essere parte integrante di ogni processo di formazione.

Questo corso di Mindfulness ci ha permesso di riscoprire una nuova consapevolezza come educatori che forse avevamo dato per scontata.  Abbiamo capito che il concentrarsi su sé stessi per ritrovare la lucidità mentale e la serenità necessarie per la vita di tutti i giorni, diventa una delle armi vincenti nel rapporto che, nella vita professionale, instauriamo con le persone di cui siamo il punto di riferimento educativo: l'immedesimazione nell'altro e il liberare la visione di insieme da pregiudizi sociali e culturali è infatti l'unico modo davvero efficace per guardare il mondo attraverso prospettive molteplici ed avere, nella sfera lavorativa, una quadro  più ampio ed inclusivo che migliora ulteriormente la nostra professione.

Crediamo inoltre, che l'opportunità di apprendere una nuova lingua o consolidare le nostre conoscenze pregresse  sia stata impagabile, e questo è stato dovuto soprattutto alla bravura dei nostri docenti di ricreare un ambiente di apprendimento familiare e incredibilmente interattivo. Le apparenti barriere linguistiche si sono trasformate in una meravigliosa opportunità di confronto culturale e di rafforzamento di competenze trasversali  di fondamentale importanza per il processo educativo degli adulti.

Grazie a Karin, Aldo e tutto lo staff spagnolo per averci  regalato una delle migliori opportunità della nostra vita.

LE NOSTRE RIFLESSIONI:

GIOVANNA: “Da un punto di vista personale e professionale, il focus sulle possibilità offerte dai programmi Horizon e Life in fatto di finanziamenti per l’innovazione e la ricerca mi ha permesso di ampliare le mie conoscenze in materia di progettazione europea, che spero di riuscire a mettere presto in pratica;  l'avvicinarsi alla lingua spagnola è stato quasi un ritorno alle origini, che mi ha fatto riscoprire il piacere di apprendere qualcosa di totalmente nuovo ma comunque familiare per tradizioni e cultura. Ringrazio immensamente Karin Callipo e Aldo Cammara per avermi permesso di vivere questa splendida opportunità.”

ERICA: “L’apprendimento di una nuova lingua, al giorno d’oggi, rappresenta uno dei principali strumenti per approcciarsi al mondo, al dialogo ed al confronto, permettendo una maggiore e migliore integrità e comprensione dei diversi usi e costumi sociali. Il mondo del Mindfulness in cui abbiamo avuto modo di immergerci in queste settimane è stato intenso ed emozionante. Abbiamo compreso l’importanza del dialogo, della compassione profonda verso chi ha un vissuto diverso dal nostro, che può essere più problematico o meno, ma che è semplicemente unico per ognuno di noi, che necessita di essere ascoltato, capito, accolto.” 

SARA: “Il progetto Empowering Adult Education ci ha permesso di farci cambiare prospettiva, metterci per una volta “dall’altra parte”: da educatori a discenti, formatori ad “apprendisti”. Durante il progetto, siamo usciti  dalle nostre normali attività di routine, in cui siamo noi ad impartire o insegnare pratiche, concetti o attività, per imparare a nostra volta qualcosa di nuovo.  A tutto ciò si aggiunge il nostro “mettersi in gioco” anche da un lato personale ed emotivo: esporsi a nuove conoscenze, affrontare le proprie paure, siano esse quella di volare, quella del virus, o semplicemente quella di farsi conoscere, di fronte a perfetti sconosciuti.”

GAIA: “Il corso di mindfulness mi ha aiutata a capire quanto ogni essere umano possa essere unico ed insostituibile nel suo genere; mi ha permesso di stabilire con queste persone rapporti non soltanto da un punto di vista lavorativo, ma umano. Mi ha anche fatto capire che non bisogna essere adulti per avere una consapevolezza maggiore, ma che, partendo dal presupposto che non si devono avere pregiudizi, il parere di un individuo non è giusto o sbagliato, ma soltanto originale e va rispettato così com’è.”

CHIARA: “Il corso di lingua spagnola mi ha permesso di consolidare le mie conoscenze di spagnolo pregresse, le lezioni sono state molto utili grazie anche al metodo molto pratico non solo teorico, e il tutto in un ambiente molto accogliente e piacevole. Il corso di Mindfulness ha rappresentato per me veramente un esperienza di vita: dovrebbe diventare uso comune  imparare a rilassarsi e a convivere con i nostri sentimenti. Inoltre mi ha lasciato tantissime emozioni che mi porterò dietro nel mio bagaglio culturale.”

CONCETTA: “Il corso di Mindfulness è stata una vera e propria scoperta, durante il corso mi sono resa conto che la meditazione è un toccasana per la mente. Penso saldamente che le sue tecniche possono essere tranquillamente utilizzate all’interno di aule scolastiche: se la mente è serena, le capacità di apprendimento aumentano! Ringrazio dal profondo del mio cuore tutti per avermi regalato un’esperienza unica, che con la loro semplicità hanno reso ogni momento inimitabile. Ringrazio coloro che hanno progettato Empowering Adult Education, Karin e Aldo, la prova vivente che leader si nasce. L’amore per il proprio lavoro porta sempre buoni frutti.”

Le educatrici: Giovanna, Sara, Chiara, Concetta, Erica e Gaia. 

Stampa